Ipotiroidismo e menopausa

Le malattie tiroidee, oltre che, come abbiamo già ricordato, interessare prevalentemente il genere femminile, aumentano di incidenza con l’aumentare dell’età. Di conseguenza, tiroiditi, ipotiroidismo, gozzo e cancro alla tiroide sono molto più frequenti nelle donne anziane o in post-menopausa, rispetto al resto della popolazione.

L’ipotiroidismo, in particolare, se colpisce colpisce il 7,6% della popolazione generale femminile, si alza al 17% nelle donne in età superiore a 70 anni. Questo è conseguenza anche di una serie di cambiamenti che interessano la tiroide e che sono tipici dell’invecchiamento.

Ma quali sono questi cambiamenti della tiroide che ne determinano una diminuita funzionalità?

Con l’invecchiamento:

  • l’epitelio della tiroide tende a degenerare e perde di spessore;
  • la dimensione dei follicoli tiroidei diminuisce;
  • il tessuto connettivo fibroso tra i follicoli aumenta.

Di conseguenza, le dimensioni della ghiandola si riducono e la capacità di produrre ormoni diminuisce.

  • la capacità di captare lo iodio diminuisce e quindi anche la sintesi di ormoni.
Cambiamenti della tiroide